top of page
  • Immagine del redattoreSilvio Mancinelli

Due parole con Verdiana Fornaro sugli anziani e la memoria


Scrivere un post su Verdiana va fatto non solo perché ha sponsorizzato il mio ultimo racconto "La Polveriera" ma perché in maniera organica sta cercando di occuparsi di anziani in una maniera diversa e in una città "vecchia" come Sulmona, soprattutto nella mentalità, prima che nell'età è importante.

Ciao Verdiana, come è nata la tua voglia di metterti in gioco in un settore particolare come quello degli anziani? La mia volontà di mettermi in gioco è nata dalla osservazione durante il mio corso OSS, d situazioni di solitudine e di malattia. Mi ha mosso la sensibilità, la voglia di fare qualcosa.

Prima di parlare di questo nuovo progetto, quali altri progetti hai curato? Ho curato molti progetti ludici, uno di questi è la maratona Alzheimer che prevede dei laboratori svolti da casa in autonomia che possono riguardare diversi ambiti, come lettura, disegni, prosa e lavori tattili

Ha un nome il nuovo progetto? In cosa consiste? Il progetto si chiama "Poesie al telefono" e consiste nel tenere compagnia agli anziani attraverso letture di poesie e prosa da parte di sei volontari che si mettono a disposizione e che ho quasi trovato del tutto.

Cosa vorresti che facesse il nuovo sindaco? Vorrei che curasse maggiormente gli anziani predisponendo spazi diurni per loro. Purtroppo qui a Sulmona manca questo genere di soluzione nonostante sia un paese "anziano".

Come è la partecipazione dei sulmonesi? E' stata buona nel momento in cui hanno capito l'utilizzo del servizio e quello che potevo dare. Molti vedono la stimolazione cognitiva come un plus non necessario e difficilmente ci investono. Bisogna battere sulla sua utilità per dare forza e tempo alla memoria, unico tesoro degli anziani.


Per chi volesse contattare Verdiana, di seguito i contatti:

Telefono: 3807584736

Mail: verdianafornaro@yahoo.it









43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page