top of page
  • Immagine del redattoreSilvio Mancinelli

Una svolta per il Centro di Aggregazione



Alla fine della fiera, sulla giunta Casini bisognerà fare una operazione verità e lo dovrà fare qualcuno che non sia la Sindaca la quale, di comunicazione, non ne sa tanto. L'ultima grana è quella del centro di aggregazione giovanile. È uno stabile che esiste da quando sono ragazzo io. Mi sono chiesto in questi giorni, cosa è l'aggregazione. Penso che sia un fenomeno che non può scendere dall'alto ma è spontaneo. È per esempio un centro di aggregazione FG Music di Fausto Andreotti, il negozio di musica, nel quale, spontaneamente, tante generazioni diverse si incontrano per parlare di musica, suonare e registrare pezzi nuovi. Il Leon Cavallo è nato dalla occupazione, perchè lì i giovani hanno deciso di incontrarsi. L' aggregazione era piazza XX Settembre o il vicoletto dove i ragazzi si nascondevano per fumare. Per cui la vedo già sbagliata una politica che indica un posto e afferma che i giovani devono andare lì per aggregarsi e si nomina un gestore che non è scelto dal popolo e per cui non sarà mai riconosciuto come una guida. La giunta Casini ha fatto una gara ed ha fatto riaprire il cinema Pacifico, ha fatto in maniera, stando alle ultime notizie di stampa, di far partire i lavori per il Liceo Classico. Soprattutto nell'interregno come assessore al Patrimonio, ad opera di Alessandro Bencivenga, si è proceduto a sfrattare il Centro Celestiano che non pagava gli affitti. Ha sfrattato il ristorante “Pasquale” che utilizzava abusivamente la struttura, facendo anche concorrenza sleale ai ristoratori che pagano affitti e utenze varie. Prima che arrivasse Bencivenga si era provveduto con il Cescot.Chi ha utilizzato questi immobili, dati così per ragioni politiche o altro genere, magari ha pensato che il tempo fosse indefinito. Il comune invece va avanti: partecipa ad un progetto (Agorà) per il rafforzamento delle politiche giovanili e occupazione, ed individua quello stabile, nel quale non è possibile comunque vedersi per il momento causa covid, per portare ad esecuzione il bando vinto. Quindi al posto di brindare per fondi, o perchè il nostro ente partecipa a bandi, si fa la caccia alle streghe. E sui social cominciano a vedersi i post su come sono cattivi questi del comune. Ci si mette pure il PD che per prima ha affidato posti senza neanche una gara. Tra l'altro il Pd non ha mai investito sui giovani. Quelli che ho conosciuto e che erano dentro il partito, sono stati cacciati e chi ha provato a collaborare con loro come ai tempi di “Certo che partecipo” è stato pugnalato alla schiena. Il centro di aggregazione giovanile, come tanti immobili della città, sono sempre stati gestiti senza gare, retaggio di come si faceva politica una volta. Ai giovani serve altro a cominciare da strumenti, per chi non se lo può permettere, per studiare da casa, perché l' istruzione, il coinvolgimento nella vita pubblica e strutture per fare sport sono i punti di riferimento per rendere migliore la comunità. Magari il progetto Agorà servirà anche a questo.

57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page