top of page
  • Immagine del redattoreSilvio Mancinelli

Il cinema a casa con My Movies





Il servizio di streaming ormai lo conosciamo tutti. Ormai il cinema deve fare i conti con questi nuovi servizi. Pensate a tutti i film che dovevano uscire in questo periodo a cominciare, per quanto riguarda l'Italia, da quello di Verdone. Ed allora che i produttori corrono i ripari saltando il passaggio presso la sala cinematografica e andando direttamente nei canali che fanno streaming o on demand. È il caso di “Un figlio di nome Erasmus”, un film di Alberto Ferrari, con Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu e Ricky Memphis che si può comprare per esempio su Sky ( ma non solo) come premiere. Poi c'è chi cerca di fare dello streaming di casa un vero e proprio cinema. Mi sono per esempio imbattuto in My Movies che ha lanciato l'iniziativa #iorestoacasa con My Movies. In collaborazione con Bim Distribuzione, CG Entertainment, Far East Film Festival, Rai Cinema, Torino Underground, Tucker Film, 102 Distribution, Natia DocuFilm, Biografilm, I Wonder Pictures e POP UP CINEMA . Tanti film per riscoprire i grandi maestri del cinema ma anche i nuovi film. Dove è la particolarità dove è? È che si prenota il posto in sala, per cui il film si può guardare solo nell'orario (che è fisso) che si è prenotato. La piattaforma MYMOVIESLIVE simula fedelmente la visione di un film al cinema, i posti assegnati sono limitati e numerati e gli streaming iniziano a un orario prestabilito. È possibile vedere gli altri spettatori in sala, fare amicizia e conversare in chat. Infatti è presente una chat per scambiare opinioni con gli altri della sala. Fino all'inizio di Aprile ci sono stati ben 2.5000.000 accessi, 130.000 prenotazioni e oltre 50.000 film visti! Volete sapere quali sono i prossimi appuntamenti? Dal 24 aprile al 3 maggio, è tempo di grandi storie per grandi personaggi con i titoli del Biografilm Festival. Da Edward Snowden (l’importantissimo Citizenfour di Laura Poitras del 2014, 28 aprile alle 21) a Noam Chomsky (diretto da Michel Gondry in Is the man who is tall happy?, 1 maggio alle 22), con in mezzo opere di maestri del documentario come Wiseman (Ex Libris, 3 maggio alle 21) e Oppenheimer (The Look of silence, 30 aprile alle 21).Il 75° anniversario della Liberazione vedrà un programma speciale di quattro film in collaborazione con l'Archivio nazionale cinematografico della Resistenza. Si inizia con L’Agnese va a morire di Montaldo (23 aprile ore 10), che nel 1976 ebbe protagonista una partigiana donna. Del 2017 è il documentario Libere di Rossella Schillaci, che riprende il discorso illuminando la storia femminile della Resistenza, e che si appaia a un altro documentario, Cime e valli della 17ª (entrambi il 24 aprile, rispettivamente alle 10 e 17). Il 27 aprile alle 20 è invece il momento di riscoprire I nostri anni, primo lungometraggio di Gaglianone sulla Resistenza che non si arrende al tempo che passa.Il gran finale è con la rassegna di 102 Distribution, che a partire dal 28 aprile porterà su MYMOVIESLIVE classici del suo catalogo come Kundun di Scorsese (2 maggio alle 22) e il durissimo Irreversible di Gaspar Noé con Monica Bellucci (3 maggio alle 22), oltre a perle d’autore più recenti come l’australiano Sweet Country (6 maggio alle 21) e il perturbante Enemy di Denis Villeneuve (9 maggio alle 21).


Clicca qui per accedere alla loro iniziativa

21 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page