top of page
  • Immagine del redattoreSilvio Mancinelli

L' Hully Gully e il razzismo


A me non sono mai piaciuti i balli di gruppo. Il ballo in generale, ma i balli di gruppo particolarmente non li amo. Sarà che un rockettaro non balla, ma è proprio il movimento del proprio corpo in elementi meccanici che non mi va. Ammiro comunque a chi la danza piace, e a chi piace la macarena per esempio. È un momento sicuramente di socialità. Sta di fatto che a Sulmona si sono messi in testa di usare uno dei balli di gruppo più vetusti per abbattere un record, quello per i maggior numero di partecipanti. Nel 2014 con l'Hully Gully con il maggior numero di partecipanti è stato abbattuto. Ieri ci hanno riprovato, ma questa volta non si è riusciti a centrare il risultato. Chi ha letto un libro dei Guiness dei Primati si sarà fatto sempre qualche risata: un esempio è la cittadina di Casey (Illinois). Questo piccolo paesino degli Stati Uniti, in forti difficoltà economiche, è stato salvato da un suo concittadino, Kim Bolin, ricco imprenditore che ha voluto risollevare le sorti della sua città natale finanziando la costruzione di 8 oggetti di dimensioni record per attirare turisti. Ecco, ad esempio, la cassetta da lettere più grande del mondo (che misura 162,63 metri), gli zoccoli (3,5 metri di lunghezza, 1,77 di larghezza e 1,48 di altezza), la sedia a dondolo (17,09 metri di altezza per 9,99 metri di larghezza), la campana a vento (12,80 metri di lunghezza) e il forcone (18,5 x 2,56 metri). Comunque sono diversi i record strani che vanno oltre l'uomo più piccolo del mondo, la donna più vecchia. Ieri pare che questa iniziativa non sia stata di buon gusto per molti sulmonesi. Ho letto molti di post di derisione. E sinceramente non capisco il perchè. Sono andato a vedere. Molti sono venuti da Avezzano, L'Aquila, Castel di Sangro e dal circondario per tentare di battere il record. E i danzatori si sono divertiti. Ora, che non sia una cosa culturale, lo capiscono pure i muri. Ma non capisco perchè bisogna essere razzisti nei confronti di chi prende una direzione di quel tipo. Essendo io un democratico, accolgo qualcunque tipo di iniziativa che porti socialità e persone a Sulmona. Nonostante l'organizzatore non sia un grande parlatore, ho capito da lui che più si tenta un record con numeri più grandi più si porta gente a Sulmona, in un mese poi nel quale il turismo tende a calare e le ferie sono finite. Ha anche detto che in altre località si sta tentando la stessa cosa con risultati migliori, forse perchè sono più intelligenti. C'è a chi piace il jazz, a chi il rock, c'è gente che preferisce i giochi storici e chi il cinema. C'è gente che ama fare i balli di gruppo e questi vanno rispettati come gli altri, aprendo la propria mente. Dopo due settimane di incendi, nei quali si è parlato pure di unità dei popoli peligni, difesa del terriorio, fine delle polemiche e inizio della costruzione di qualcosa di nuovo, mi sembra che con queste critiche si sia cancellato tutto. I peggiori a parlare poi sono quelli che parlano di cultura, i più chiusi mentalmente. Anche questo è un tipo di razzismo, non il peggiore, ma di razzismo si parla.


52 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page