top of page
  • Immagine del redattoreSilvio Mancinelli

La notte bianca serve a una città?


Sarà la mancanza di dischi da recensire perchè agosto è sinonimo di festival più che di dischi in uscita e questo mi porta a scrivere di più sulla attualità che mi circonda e mi riporta a quando più di quindici anni fa aprii il primo blog. La cultura in Italia vola molto bassa e qui a Sulmona non ne parliamo per nulla, se consideriamo che il trend sui social, in questi ultimi giorni, è la contrapposizione tra notte bianca e il muntagninjazz, perchè questo è il vero problema della città e non la mancanza di parcheggi e le strade rovinate, oppure la partenza di tanti giovani. Premesso che io sono per l'abbondanza e non per la selezione, e quindi che si faccia la notte bianca va bene, perchè può essere il simbolo di chiusura degli eventi estivi della città, ci sono degli elementi che rendono questa manifestazione un qualcosa che non va e che non porta vantaggi. La Notte Bianca nasce nell'ambito del gemellaggio tra Roma e Parigi, dove la “Nuit Blanche” è ormai un importante appuntamento nell'offerta culturale della capitale francese, molto atteso da parigini e turisti. Parliamo di Parigi e Roma città nelle quali in 24 ore puoi vedere tante cose meravigliose, magari anche gratis considerando l'evento. Sulmona, come i paesi più piccoli del circondario non hanno questa ricchezza e si visitano in poco tempo, tanto è vero che il nostro è un turismo di passaggio, non avendo né il mare né la montagna. In sintesi le nostri notti bianche più che altro servono all'esibizione di gente esterna, e alla classica discoteca all'aperto magari gestita, in economia, da artisti locali. Sarebbe una gran cosa una piazza Maggiore con la musica di Garnier, Guetta o i Chemical Brothers per esempio, ma non è così. Ripeto sono contento che i ragazzi possano ballare a Sulmona come si fa nel circondario ma in questi eventi c'è la cultura? C'è oltre una offerta musicale composita, anche una offerta culturale che declini Sulmona come punto di riferimento della Valle? Sono domande serie che aspettano il programma per ottenere delle risposte.Per adesso penso che questo sia un evento che può essere anche dimenticato. Del resto eventi simili a Viterbo come a Maratea, sono state un flop completo.



241 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page